Inserisci qui il titolo

Mi ero ripromesso di scrivere di più. Non mi mancano certo le parole, anzi ultimamente sento di parlare anche troppo e un po’ non mi riconosco. Le parole accumulate durante gli anni stanno piano piano trovando la loro via d’uscita e ora potrei riempirci un armadio. Dicevo, mi ero ripromesso di scrivere di più e ho mantenuto parzialmente questa promessa. Il problema è che la maggior parte delle cose che scrivo finiscono per essere cancellate o in bozze che non vengono pubblicate. Perchè? Perchè sono un maledetto perfezionista e, alla vista del minimo difetto, voglio nascondere tutto. Lo sono sempre stato perfezionista, non tollero mai errori da me stesso e quando, immancabilmente, ne compio uno, mi sento mortificato.

Ecco, quando qualcuno dice che sono stronzo, non lo faccio apposta. Quello stesso atteggiamento da stronzo ce l’ho verso me stesso. Credo sia dovuto al fatto che mio padre mi abbia sempre criticato, qualunque cosa facessi, e mai premiato, ma non gliene faccio una colpa. Anzi, comincio a pensare ai lati positivi, se non avessi questo atteggiamento masochista probabilmente non avrei raggiunto i miei piccoli traguardi personali.

Certo, ci sono anche lati negativi, tipo il fatto che mi sento continuamente una merda, ma potrebbe andare peggio. Sono una persona profondamente ottimista, anche se sembra difficile da credere. In questo preciso momento sono arrivato al punto in cui l’impulso di cancellare tutto si manifesta, tanto non gliene frega a nessuno di quello che scrivi. Ed è vero, tutti al giorno d’oggi abbiamo qualcosa da dire e niente distingue la mia merda da quella di un altro. Oggi ho incontrato il mio vecchio professore di italiano e mi sono ricordato di quanto scrivessi da adolescente. Parlando mi sono ricordato della mini opera “Diario di un nerd senza internet”, un diario che ho tenuto per due mesi in cui mi sono ritrovato senza connessione. Io, nerd precoce che non sapeva vivere senza già da adolescente. Quanti file salvati su disk esterno che non vedranno mai la luce.

Insomma, le parole non mi mancano e le idee neppure, il problema è l’atteggiamento. I cambiamenti, per avere effetto, hanno bisogno di tempo, ma i risultati iniziano a vedersi. Innanzitutto, non ho cancellato questo post.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...