Perchè l’inizio è quello che conta

Negli ultimi due anni o forse più ho iniziato ad infognarmi di serie televisive. Non ne ho viste così tante da farmi uscire dai canoni della normalità, in cui comunque non mi trovo per altri motivi, ma neppure così poco da definirmi un amatore. Poi da quando è arrivato Netflix in Italia, ho in procinto di recuperarne molte altre.

Quello che voglio presentarvi oggi è una classifica, secondo me, delle dieci migliori sigle fra le serie che ho guardato. Inizialmente ne dovevano essere cinque, con menzione ad altre cinque, quindi alla fine sono diventate dieci perchè 5+5=10 [citation needed]. Ho cercato di non farmi influenzare da quanto una serie mi sia piaciuta o meno, ma di giudicare soltanto la sigla in sé.

10. The Big Bang Theory

La storia dell’universo concentrata in 20 secondi per una storia incentrata su tre fisici ed un ingegnere. Semplice, adatta.

9. Doctor Who

Viaggiare nello spazio-tempo a bordo di una cabina della polizia: è la trama della serie. Da sottolineare il fatto che la sigla cambia a seconda del Dottore in carica.

8. Romanzo Criminale

Una serie nostrana che parla di fatti avvenuti negli ultimi anni del ’70 e trasuda il sapore di quel periodo.

7. Friends

Un intro cult per una serie che non credo abbia bisogno di presentazioni.

6. Firefly

Questa non è propriamente la sigla, ma è quanto di più simile sia riuscito a trovare. Sul tubo si trovano solo parodie di altre serie fatte in questo stile. La sigla di Firefly, la serie cancellata per antonomasia, è un altro cult che non poteva non essere inserito.

5. IT Crowd

Musica 8-bit e grafica a pixel. Cosa volete di più per i due informatici più simpatici della storia televisiva?

4. Game of Thrones

Un’altra sigla che è diventata già storia, tanto che i Simpson ne hanno fatto una parodia (che non sono stati inseriti qui perchè non una serie tv). Quasi due minuti che non salto mai e che sono in realtà una lezione di geografia sul mondo della serie.

3. True Detective

Quel senso di inquietudine misto ad ambiguità della serie (perlomeno della prima stagione, la seconda ancora mi manca) è perfettamente riprodotto dall’intro. La musica e le immagini si intrecciano perfettamente per guidare lo spettatore alla serie.

2. Manhattan

Vi ho già parlato di Manhattan e della sua splendida sigla. Il continuo crescendo della musica unito alle immagini in cui la vita quotidiana si mischia a formule fisiche, schemi e protocolli è la perfetta sintesi della seria e del suo continuo clima di tensione.

1. Dexter

La ruotine mattutina di un serial killer è piena di doppi sensi e analogie. L’ho trovata geniale ed assolutamente perfetta. Vederla poi trasformata in un episodio dopo che Dexter ha avuto un figlio è stato memorabile. L’unica cosa negativa? La serie in sè, che non mantiene uno standard così alto soprattutto nelle ultime stagioni, cosa che avevo già menzionato in passato.

Siete d’accordo? No? Ho dimenticato qualcosa? Mi consigliate di vedere qualcos’altro? Fatemi sapere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...